Passa ai contenuti principali

Paura non giustifica razzismo

La storia ha dimostrato che usare la paura come scusa per il razzismo durante i periodi di crisi è una mossa sbagliata, scrive Lisa Deaderick.

L'abbiamo visto prima. Una crisi, un'emergenza, il panico e la paura che portano a deplorevoli atti di bigottismo, razzismo, xenofobia. Abbiamo un esempio dopo l'altro di ciò che accade quando permettiamo alle paure irrazionali verso altri gruppi di persone di condizionare i nostri comportamenti: tentiamo di giustificare atti di schiavitù, internamento, altre forme di violenza fisica ed emotiva, esclusione e altro ancora.

Con il numero di nuovi casi di Coronavirus che

continuano a crescere, insieme al bilancio delle vittime del virus, lo stesso panico e la stessa paura si sono nuovamente manifestati in atti di razzismo contro persone di origine dell'Asia orientale. Abbiamo una storia ben documentata riguardo al sottoporre le persone nella comunità asiatica a questo tipo di violenza e maltrattamenti, dall'atto di esclusione cinese del 1882 all'ordine esecutivo 9066 durante la seconda guerra mondiale.

Nellie Tran è professoressa associata di consulenza e psicologia scolastica presso la San Diego State University, che ricopre anche il ruolo di vice presidente della Asian American Psychological Association. La sua ricerca è incentrata su sottili forme di discriminazione (come le microagressioni) legate a questioni etniche e genere nell'istruzione, nella consulenza e sul posto di lavoro. Ha impiegato un po' di tempo per discutere dell'attuale aumento del razzismo nei confronti degli asiatici a seguito di COVID-19 e di come le paure delle persone dovrebbero essere reindirizzate verso l'interruzione della diffusione del virus seguendo le raccomandazioni dei funzionari della sanità pubblica, piuttosto che il capro espiatorio di interi gruppi delle persone. (Questa intervista e-mail è stata modificata per lunghezza e chiarezza.)

Deaderick: Nonostante le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità che incoraggiano fortemente a evitare l'uso della lingua e delle frasi per le malattie infettive che potrebbero causare "offese a qualsiasi gruppo culturale, sociale, nazionale, regionale, professionale o etnico", il presidente Donald Trump ha ripetutamente parlato del problema riguardo all'attuale diffusione del coronavirus (COVID-19) definendolo "il virus cinese", dicendo che il termine è "accurato" perché il virus è stato identificato per la prima volta in Cina. Perché il suo linguaggio è considerato razzista, piuttosto che accurato?

Tran: Ci sono diversi motivi per cui chiamare COVID-19 il "virus cinese" non è preciso. COVID-19 non discrimina chi infetta. La Cina non possiede il virus, né ha alcun controllo su come e dove si diffonde. I cinesi non sono influenzati in modo sproporzionato dal virus, né sono più o meno portatori del virus di qualsiasi altro essere umano su questo pianeta. Di conseguenza, il virus cinese è inaccurato e intenzionalmente fuorviante. Non ci fornisce ulteriori informazioni sul virus.
Ciò che rende questo gergo razzista è il fatto che perpetua stereotipi e immagini di popoli cinesi e asiatici come sporchi, malati, stranieri e, in definitiva, "non uno di noi". Dovrebbe farci mettere in discussione chi viene considerato "buono" o "cattivo" e chi beneficia di questa idea. In una situazione in cui le persone possono sentirsi come se avessero perso il controllo, a volte è bello trovare la colpa negli altri. Tuttavia, incolpare in modo impreciso un paese o una popolazione di persone non ci fornisce la protezione o il controllo che effettivamente cerchiamo. Peggio ancora, incoraggia paure imprecise e pregiudizievoli nei confronti di un segmento già marginalizzato della popolazione. Ciò è particolarmente vero quando funzionari governativi e altri in posizioni di potere e autorità usano una terminologia distorta. Può essere visto come un permesso per la popolazione in generale di agire in base alle proprie idee razziste contro gli asiatici.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…