Passa ai contenuti principali

Anti razzismo che dà fastidio

"Immaginate se i televisori in questo paese trasmettessero esclusivamente immagini di neri, raccontando storie di neri, per i neri... Immaginate, cari compatrioti, di sentirvi assenti, invisibili... Ma state tranquilli, siamo noi a essere assenti. E questa non è una finzione."

Nel febbraio 2000, l'attore e regista Luc Saint-Eloy e la romanziera Calixthe Beyala si sono lanciati contro la 25esima cerimonia annuale dei Cesar Awards a Parigi e sono saliti sul palco per tenere un discorso potente sulla mancanza di rappresentanza nera nel cinema e nella televisione francesi.

L'inaspettata interruzione del flusso di piacevoli discorsi di congratulazioni ha lasciato senza parole il pubblico prevalentemente bianco degli "Oscar francesi". Erano tutti congelati per la sorpresa e il disagio.

Molto è cambiato nel cinema francese nei due decenni successivi, almeno in superficie. Oggigiorno vediamo molti attori dalla carnagione scura nei film e negli spettacoli televisivi francesi. Saint-Eloy e Beyala non sono più nella sfera pubblica, ma il problema che hanno messo in evidenza in quel discorso di riferimento 20 anni fa non è ancora risolto. I pochi attori e attrici neri attivi nel settore lottano per trovare parti che non li riducano a stereotipi razziali.

Ecco perché un'altra persona di colore ha sentito la necessità di richiamare ancora una volta la mancanza di diversità sugli schermi francesi lo scorso febbraio.

Aissa Maiga è salita sul palco dei Cesar Awards di

quest'anno per presentare il premio per la migliore nuova donna emergente mostrando ogni parte dell'attrice elegante, bella e sorridente che dovrebbe essere. Mentre camminava verso il palco, il pubblico l’ha applaudita con entusiasmo, aspettandosi di ascoltare un'introduzione ordinaria che complimentasse i nominati e forse rubasse alcune risate con una battuta stantia ma educata. Quando ha iniziato il suo discorso salutando i pochi volti neri tra il pubblico (solo 12 su un totale di 1.600), tuttavia, è diventato chiaro a tutti in quel luogo glamour che non era lì per farli sentire bene con se stessi.

La donna è rimasta alta e sola sul palco vuoto per quasi cinque minuti e si è rivolta all'elefante nella stanza con precisione chirurgica. "Siamo sopravvissuti all'imbiancatura, al blackface, a tonnellate di ruoli di croupier, alle donne delle pulizie con un accento di Bwana, siamo sopravvissuti ai ruoli di terroristi, a tutti i ruoli di ragazze ipersessualizzate", ha detto Maiga ai partecipanti. "Ma non lasceremo da solo il cinema francese."

Mentre la telecamera girava attraverso la stanza, attori, registi, produttori e personaggi televisivi venivano tutti visti muoversi a disagio sui loro posti. Anche quando Maiga ha cercato di coinvolgerli dichiarando "l'inclusione non può avvenire senza di te", l'accoglienza si è raffreddata.

Il mare di volti impazienti, insensibili e perfino ostili che la fissavano era la prova che non molto è cambiato, da quando Saint-Eloy e Beyala hanno preso lo stesso palcoscenico 20 anni fa.

Il discorso di Maiga ha immediatamente causato una tempesta mediatica, dimostrando l'impatto che le sue parole hanno avuto sulla più ampia società francese.

Un importante quotidiano nazionale, Le Monde, ha descritto il suo discorso come "aggressivo" mentre l'eurodeputata di destra Nadine Morano ha suggerito all'attrice di "tornare in Africa" se non è "contenta di vedere così tanti bianchi".

Ci risiamo. La donna di colore "arrabbiata" non ha posto in Francia. Dovrebbe comportarsi e mostrare gratitudine, o tornare "da dove viene".

Non era la prima volta che Maiga parlasse della mancanza di diversità nella sua professione. Solo due anni fa, è stata una delle 16 attrici nere che hanno conquistato i famosi gradini rivestiti di moquette rossa del Festival del Festival di Cannes, indossando abiti Balmain bianchi e neri abbinati, per sottolineare la mancanza di rappresentanza nel cinema francese.

Allora perché il suo discorso del mese scorso, mettendo in evidenza gli stessi problemi, è stato ricevuto in modo così negativo?

Perché i neri in Francia, specialmente quelli sotto gli occhi dell'opinione pubblica, possono invocare il "razzismo" purché non siano apertamente politici e costringano il resto della società ad accettare la loro parte nel problema. Sono autorizzati a parlare finché lo fanno usando umorismo, musica e danza. Devono essere rassicuranti per essere ascoltati.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…