venerdì 21 febbraio 2020

Veleno del razzismo in Germania secondo Merkel

Angela Merkel ha dichiarato che l'omicidio di nove persone da parte di un sospetto estremista di destra ha rivelato il "veleno" del razzismo e dell'odio in Germania.

Gli investigatori hanno affermato che l’assassino aveva una "mentalità profondamente razzista", citando un video e un lungo manifesto che aveva pubblicato sui social media. Le autorità hanno aggiunto di trattare gli attacchi come un atto di terrorismo interno.

Tutti e nove i morti nei bar shisha avevano origini immigrate e almeno cinque erano turchi, molti di origine curda, hanno affermato i procuratori. Altri

sei sono rimasti feriti, uno dei quali ha riportato lesioni potenzialmente letali. Ci sono state notizie non confermate secondo cui una donna incinta di 35 anni, madre di due figli, era tra coloro che sono morti.

La Merkel ha promesso allo Stato di opporsi con "forza e risolutezza" a coloro che cercano di dividere la società.

Gli attivisti per i diritti dei migranti in Germania hanno spiegato che gli attacchi erano indicativi della diffusa indifferenza mostrata dallo stato nei confronti dell'estremismo di destra, nonostante le prove che fosse in aumento.

"Se le persone restano in silenzio abbastanza a lungo, allora accadranno cose del genere", ha detto Mehmet Daimagüler, un avvocato per le vittime del terrorismo di estrema destra. “Avremmo potuto impostare l'orologio in vista di questo attacco. Le persone ci dicono che hanno imparato da Auschwitz, ma questo dimostra che tale discorso è solo un blah, blah, blah..."

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento