Passa ai contenuti principali

Razzismo sistemico: cos'è

Ritirando il premio come miglior attore protagonista domenica per il suo ruolo nel film Joker ai Bafta Film Awards 2020, il 45enne Joaquin Phoenix ha ricevuto un applauso alla Royal Albert Hall da un pubblico che includeva membri della famiglia reale inglese.

L'evento è stato già fortemente criticato per la mancanza di diversità nelle nomination.
Dopo aver accettato il premio, per il quale tutti e cinque i candidati erano “bianchi”, Phoenix ha dichiarato di sentirsi onorato.

"Ma mi sento in conflitto", ha aggiunto, lasciando la sala in un silenzio sbalordito. "Così tanti dei miei colleghi attori che meritano non hanno lo stesso privilegio.

"Penso che stiamo inviando un messaggio molto

chiaro alle persone di colore che qui non sono benvenute. Questo è il messaggio che stiamo inviando a persone che hanno contribuito così tanto al nostro cinema e al nostro settore in modi di cui abbiamo beneficiato.

"Non credo che qualcuno voglia un trattamento preferenziale, anche se è quello che ci diamo ogni anno."

L'attore Joaquin Phoenix ha parlato quindi di un "razzismo sistemico" nell'industria cinematografica.

Ma cos’è il razzismo sistemico? Annamaria Rivera, professoressa di Etnologia e Antropologia sociale all’università di Bari e antropologa, saggista, scrittrice e attivista, spiega che il razzismo diventa sistemico quando è anche istituzionale e mediatico. Quando l’intolleranza verso determinati gruppi o minoranze, già diffusa nella società, è sollecitata e incoraggiata dalle istituzioni e dagli apparati dello Stato, nonché dalla propaganda e dal sistema dell’informazione, è allora che s’innesca il classico circolo vizioso del razzismo. A me sembra che oggi, più che mai, siamo in questa fase. Le continue esternazioni da parte di esponenti del governo in carica, in particolare dell’ex ministro dell'Interno, all'insegna dell'intolleranza, del disprezzo, della discriminazione e de-umanizzazione di migranti, rifugiati/e, Rom e Sinti non fanno che alimentare quella che Hans Magnus Enzensberger ha definito “socializzazione del rancore”. Tra le classi popolari, in particolare, il risentimento per le condizioni economico-sociali che si vivono sempre più viene indirizzato verso capri espiatori, i più vulnerabili: come ho detto, migranti, rifugiati/e, Rom e Sinti, insomma chiunque possa essere alterizzato/a e de-umanizzato/a.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl