mercoledì 26 febbraio 2020

Razzismo istituzionale

La famiglia di un ragazzo di 13 anni ha accusato il Crown Prosecution Service (CPS) e la polizia del Galles del Sud di razzismo istituzionale per non aver perseguito un sospetto per la sua morte.

Il corpo di Christopher Kapessa è stato trovato nel fiume Cynon, vicino a Fernhill, Rhondda Cynon Taff il lo scorso primo di luglio.

Il CPS ha affermato che non vi era alcun "interesse pubblico" a presentare un caso di omicidio colposo, nonostante "prove sufficienti".

La polizia del Galles del Sud ha dichiarato di avere "piena fiducia" nelle sue indagini.

In una lettera alla famiglia, il CPS affermava che c'erano prove chiare del sospetto che aveva spinto Christopher nel fiume ma che non stavano proseguendo con un procedimento giudiziario.
Christopher, che non sapeva nuotare, e un gruppo di giovani erano in gita sul fiume Cynon il 1° di luglio 2019 quando morì.

Un'inchiesta iniziale della polizia del Galles del

Sud ha concluso che non c'erano circostanze sospette, ma gravi preoccupazioni sono state sollevate dalla famiglia e dal loro avvocato Hilary Brown, i quali si sono lamentati del fatto che solo quattro dei 14 giovani che erano sulla scena della morte di Christopher erano stati intervistati da agenti di polizia.
Mercoledì scorso, in una lettera inviata alla famiglia, il CPS ha affermato che "c'erano prove sufficienti per sostenere un'accusa di atto illegale di omicidio colposo".

Il sospettato era "maturo e intelligente per la sua età" e aveva un "buon curriculum scolastico".

"C'erano prove chiare che il sospettato spinse Christopher sulla schiena con entrambe le mani facendolo cadere nel fiume."

"Quella spinta è stata un atto illegale ed era chiaramente pericolosa in quanto su uno standard oggettivo sarebbe stata causa di qualche danno".

Tuttavia le prove suggeriscono che la spinta "non è stata fatta nel tentativo di danneggiare qualcuno" ma "in modo sconsiderato".

In una dichiarazione di lunedì, un portavoce del CPS ha affermato che "le decisioni su casi come questo sono difficili, ma ognuna deve essere giudicata in base al proprio merito".

"Come in ogni caso, sia un test probatorio che un test di interesse pubblico devono essere superati affinché possa avvenire un procedimento giudiziario.
"Nel prendere la nostra decisione, è stata data un'attenta considerazione alla legge relativa all'accusa sui giovani e il test di interesse pubblico non è stato soddisfatto.

"I nostri pensieri sono con la famiglia di Christopher. Abbiamo dato loro una spiegazione completa del nostro processo decisionale in questo tragico caso."

Rimane la domanda: cosa sarebbe accaduto se il povero ragazzo avesse avuto origini e carnagione decisamente maggioritarie?

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento