giovedì 6 febbraio 2020

Patriottismo è razzista

Il "vero patriottismo" e il "buon patriottismo" sono tentativi incerti di riciclare la xenofobia e l'etnocentrismo, scrive Yannick Giovanni Marshall. Legittimano la discriminazione nei confronti degli stranieri sulla base della loro
estraneità. Il buon patriottismo crede che il paese stia rotolando sulle colline e soffiando campi di grano e non l'occupazione dello spazio naturale, non un'istituzione che si è dichiarata il "Paese dell'Uomo Bianco" in cui "il nero non aveva diritti”.

Per il patriota, tutta la storia è storia revisionista. La costituzione diventa un documento che ha sempre avuto in sé una promessa di libertà che doveva essere perfezionata ed esportata all’estero, generazione dopo generazione.

Un buon patriottismo può immaginare che il razzismo sia periferico rispetto all'istituzione del paese perché il buon patriottismo è razzista. Le vite schiacciate sotto le ruote del trattore di un paese fondato contano sempre meno delle divagazioni politiche degli uomini al posto di guida.

Il patriottismo nei paesi imperialisti e dei coloni è razzista. È razzista in tutti i paesi, ma è soprattutto razzista nei paesi in via di colonizzazione. È una devozione celebrata all'atto di strappare terre ai popoli indigeni. Il paese del colono non esiste. È un atto di espropriazione ripetuto giorno dopo giorno che - se non interrotto - produce l'illusione di essere nella tua casa.

Il patriota conservatore, di fronte a un paese imperfettamente pulito dal punto di vista etnico, è chiamato a guardare gli indigeni che rimangono come oggetti di odio, una popolazione nemica o, per lo meno, gli scomodi nemici di un tempo prima dell'insediamento.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento