Passa ai contenuti principali

Patriottismo è razzista

Il "vero patriottismo" e il "buon patriottismo" sono tentativi incerti di riciclare la xenofobia e l'etnocentrismo, scrive Yannick Giovanni Marshall. Legittimano la discriminazione nei confronti degli stranieri sulla base della loro
estraneità. Il buon patriottismo crede che il paese stia rotolando sulle colline e soffiando campi di grano e non l'occupazione dello spazio naturale, non un'istituzione che si è dichiarata il "Paese dell'Uomo Bianco" in cui "il nero non aveva diritti”.

Per il patriota, tutta la storia è storia revisionista. La costituzione diventa un documento che ha sempre avuto in sé una promessa di libertà che doveva essere perfezionata ed esportata all’estero, generazione dopo generazione.

Un buon patriottismo può immaginare che il razzismo sia periferico rispetto all'istituzione del paese perché il buon patriottismo è razzista. Le vite schiacciate sotto le ruote del trattore di un paese fondato contano sempre meno delle divagazioni politiche degli uomini al posto di guida.

Il patriottismo nei paesi imperialisti e dei coloni è razzista. È razzista in tutti i paesi, ma è soprattutto razzista nei paesi in via di colonizzazione. È una devozione celebrata all'atto di strappare terre ai popoli indigeni. Il paese del colono non esiste. È un atto di espropriazione ripetuto giorno dopo giorno che - se non interrotto - produce l'illusione di essere nella tua casa.

Il patriota conservatore, di fronte a un paese imperfettamente pulito dal punto di vista etnico, è chiamato a guardare gli indigeni che rimangono come oggetti di odio, una popolazione nemica o, per lo meno, gli scomodi nemici di un tempo prima dell'insediamento.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'