Passa ai contenuti principali

Il razzismo è nel comportamento e nelle azioni

"Tutte le mie ricerche", afferma lo psicologo Philip Atiba Goff  e il decennio di lavoro che ho svolto con il mio centro - Center for Policing Equity - mi portano in realtà a una conclusione fiduciosa in mezzo al crepacuore dovuto alle questioni razziali in America, che è questo: cercare di risolvere il problema del razzismo risulta impossibile perché è la nostra definizione di razzismo a renderlo impossibile, ma non deve essere così.
Quindi, ecco cosa intendo: la definizione più comune di razzismo è che i comportamenti razzisti sono il prodotto di cuori e menti contaminate. Quando ascoltiamo il modo con cui parliamo di

cercare di curare il razzismo, solitamente sentiamo: dobbiamo eliminare l'odio. Dobbiamo combattere l'ignoranza.
Giusto? Stiamo parlando di cuore e cervello.
Ora, l'unico problema con questa definizione è che è completamente sbagliata, sia scientificamente che altrimenti.
Una delle intuizioni fondamentali della psicologia sociale è che gli atteggiamenti preludono a comportamenti molto deboli, ma soprattutto, nessuna comunità nera è mai scesa in strada per chiedere dai bianchi di essere amati di più. Le comunità marciano per fermare l'omicidio, perché il razzismo riguarda comportamenti, non sentimenti. E anche quando leader dei diritti civili come King e Fannie Lou Hamer usavano il linguaggio dell'amore, il razzismo che combattevano, era segregazione e brutalità.
Sono azioni sui sentimenti. E ognuno di quei leader sarebbe d'accordo, se una definizione di razzismo rende più difficile vedere le lesioni causate dal razzismo, non è solo sbagliata. Una definizione che si preoccupa delle intenzioni degli oppressori più che dei danni agli abusati: quella definizione di razzismo è razzista."

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl