Passa ai contenuti principali

Il razzismo è nel comportamento e nelle azioni

"Tutte le mie ricerche", afferma lo psicologo Philip Atiba Goff  e il decennio di lavoro che ho svolto con il mio centro - Center for Policing Equity - mi portano in realtà a una conclusione fiduciosa in mezzo al crepacuore dovuto alle questioni razziali in America, che è questo: cercare di risolvere il problema del razzismo risulta impossibile perché è la nostra definizione di razzismo a renderlo impossibile, ma non deve essere così.
Quindi, ecco cosa intendo: la definizione più comune di razzismo è che i comportamenti razzisti sono il prodotto di cuori e menti contaminate. Quando ascoltiamo il modo con cui parliamo di

cercare di curare il razzismo, solitamente sentiamo: dobbiamo eliminare l'odio. Dobbiamo combattere l'ignoranza.
Giusto? Stiamo parlando di cuore e cervello.
Ora, l'unico problema con questa definizione è che è completamente sbagliata, sia scientificamente che altrimenti.
Una delle intuizioni fondamentali della psicologia sociale è che gli atteggiamenti preludono a comportamenti molto deboli, ma soprattutto, nessuna comunità nera è mai scesa in strada per chiedere dai bianchi di essere amati di più. Le comunità marciano per fermare l'omicidio, perché il razzismo riguarda comportamenti, non sentimenti. E anche quando leader dei diritti civili come King e Fannie Lou Hamer usavano il linguaggio dell'amore, il razzismo che combattevano, era segregazione e brutalità.
Sono azioni sui sentimenti. E ognuno di quei leader sarebbe d'accordo, se una definizione di razzismo rende più difficile vedere le lesioni causate dal razzismo, non è solo sbagliata. Una definizione che si preoccupa delle intenzioni degli oppressori più che dei danni agli abusati: quella definizione di razzismo è razzista."

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'