martedì 28 gennaio 2020

Scienza contro razzismo

Sembra che non possiamo evitare di avere a che fare con commenti sulla presunta razza riguardo a ciò che domina il nostro panorama mediatico, sia che si tratti di un attore noto, di una principessa ex attrice, o qualsiasi altro personaggio. Questi sono tempi difficili e tali dibattiti sembrano aumentare di frequenza. Ma ci sono alcune sfide per le quali puoi armarti in anticipo, e quando l'argomento riguarda il razzismo, l'arma preferita è la scienza.

Il razzismo è un pregiudizio che ha una relazione di lunga data con la scienza. L'invenzione della cosiddetta razza avvenne nell'era degli imperi e del saccheggio, quando gli esponenti della

disciplina scientifica emergente classificarono le persone del mondo, principalmente dalle loro poltrone. Carl Linnaeus è il padre della tassonomia biologica, avendo inventato il sistema che usiamo oggi: genere e specie - Homo sapiens. Fu anche una figura centrale nell'emergere del razzismo scientifico, insieme a Kant, Voltaire e una miriade di altri uomini europei.

Le classificazioni si basavano principalmente sul colore della pelle, alcune su una manciata di misurazioni del cranio, e arrivavano anche con alcuni giudizi di scarso valore: Linneo vedeva il popolo africano pigro e "governato dal capriccio"; I nativi americani erano "zelanti e testardi"; Gli asiatici orientali erano altezzosi, avidi e "governati da opinioni". Voltaire credeva che i neri fossero una specie diversa. Tutte queste tassonomie erano intrinsecamente gerarchiche, con gli europei bianchi sempre in cima.

Nel diciannovesimo secolo, il cugino di mezza età di Darwin, Francis Galton e altri, hanno rafforzato le loro argomentazioni scientifiche sulla razza, anche se, come notò Darwin, nessuno poteva essere d'accordo su quante ne esistessero effettivamente, il range era compreso tra una e 63. Galton era uno scienziato straordinario ma un incredibile razzista. L'ironia più deliziosa su di lui è che il campo che ha effettivamente stabilito - la genetica umana - è il ramo della scienza che ha dimostrato in modo inequivocabile che la razza non è biologicamente significativa.

La genetica moderna mostra chiaramente che il modo in cui definiamo colloquialmente la razza non si allinea con la biologia alla base della variazione umana. Invece, la razza è una tassonomia “culturale” - un “costrutto sociale”. Ciò non significa che non sia valido o non importante, né che la razza non esista in assoluto. Gli esseri umani sono animali sociali e il modo in cui ci percepiamo è di fondamentale importanza. La razza esiste perché la percepiamo.
Ed è proprio questo il tema sul quale dobbiamo lavorare e concentrare ogni sforzo: la percezione del prossimo.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento