giovedì 16 gennaio 2020

Razzismo nel calcio: migliorare l’istruzione

La leggenda del basket Kobe Bryant ritiene che sia necessaria una migliore istruzione per affrontare il flagello del razzismo nel calcio.
Il 41enne, cinque volte campione della NBA, è vissuto in Italia dall'età di sei a 13 anni, mentre suo padre giocava a basket come professionista.
Ha sviluppato un amore per il calcio nel nostro

paese, ma ha anche assistito in prima persona al razzismo prima di tornare negli Stati Uniti dove ha trascorso la sua intera carriera di 20 anni con i Los Angeles Lakers.

"È sempre una questione di educazione capire che il razzismo è una cosa che fa parte della nostra cultura da un po'", ha dichiarato Bryant alla CNN durante un evento di Major League Soccer in California.
"Anche se ora abbiamo fatto tanta strada, c'è ancora molto da fare e penso che l’istruzione sia sempre la cosa più importante."

Negli ultimi tempi si sono verificati numerosi episodi di razzismo di alto profilo nel calcio, in particolare in Italia, e non solo limitati al comportamento dei fan durante i giochi.
A dicembre, alcune discutibili immagini commissionate dalla Serie A sono state ampiamente condannate come razziste per l'uso di scimmie. Nello stesso mese, il quotidiano italiano Corriere dello Sport ha ricevuto un forte contraccolpo per il titolo del "Black Friday" associato a una foto dei giocatori Chris Smalling e Romelu Lukaku.
"Quando stavo crescendo in Italia, ho ovviamente assistito in prima persona ad alcune partite di calcio e a cose del genere", ha aggiunto Bryant.
"I miei genitori mi hanno insegnato e istruito su come affrontare questo genere di cose."

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento