giovedì 23 gennaio 2020

Razzismo in Portogallo

Alle elezioni portoghesi dello scorso ottobre, Romualda Fernandes, Beatriz Gomes Dias e Joacine Katar Moreira hanno fatto la storia diventando le prime donne di origine africana elette in parlamento.

Dias, Gomes e Moreira rappresentano diversi partiti politici, ma le loro critiche al razzismo nella società portoghese sono state accreditate come catalizzatori di un dibattito che molti vedono da tempo atteso.

Un rapporto del 2016 del Comitato delle Nazioni Unite sull'eliminazione della discriminazione

razziale, pur rilevando che il Portogallo è diventato più tollerante e inclusivo negli ultimi due decenni, ha criticato la persistenza di "Afrofobia" e "razzismo istituzionale" nel paese.

Negli anni successivi, il Portogallo - come gran parte dell'Europa - ha assistito a un picco nel sentimento di estrema destra, con le elezioni del 2019 che hanno segnato anche la prima volta che un partito di estrema destra ha vinto un seggio in Parlamento dalla caduta della dittatura di Salazar nel 1974.

Tuttavia, osservando il modo in cui si è svolto il dibattito nei principali media portoghesi, si potrebbe avere un'impressione piuttosto diversa. Una serie di opinionisti - la maggior parte, se non tutti, “bianchi” - ha risposto alle preoccupazioni di politici e attivisti anti-razzisti con un misto di incredulità e negazione: "Il razzista portoghese?" si chiede il giornale Sol. Gli editorialisti sul sito web di notizie di destra Observador sono più definitivi: "Il Portogallo non è stato e non è razzista", ha scritto uno di loro; un altro, nel frattempo, ha deriso il "mito" di un Portogallo razzista.

"Penso che siamo tutti razzisti", spiega il redattore di Observador, Jose Manuel Fernandes, parlando con Daniel Turi di The Listening Post. "Questa è una battaglia che non finisce mai. Tuttavia, quando si tratta di razzismo istituzionale, non credo che esista in Portogallo."

Per Moreira, membro del parlamento, reazioni come queste non sono state una sorpresa: "Questo è molto specifico del razzismo portoghese - la negazione assoluta che ci sia razzismo in Portogallo".

Nel tentativo di spiegare questo discorso di negazione, alcuni indicano la mancanza di diversità nell'industria dei media del Portogallo. I giornalisti portoghesi di colore sono pochi e distanti tra loro qualcosa che - anche Fernandes riconosce - può contribuire alla discussione.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento