Passa ai contenuti principali

Razzismo e Capitalismo

Nel suo rapporto sul sistema finanziario degli Stati Uniti e sulla schiavitù razziale per il New York Times, 1619 Project, l'esperta di finanza internazionale Mehrsa Baradaran spiega il rapporto tra la schiavitù e lo sviluppo del capitalismo finanziario negli Stati Uniti.

Il Progetto 1619 è "un'importante iniziativa del New York Times", lanciata la scorsa estate in occasione del 400° anno di apertura della schiavitù nel territorio che sarebbe diventato gli Stati Uniti. I mercanti di schiavi olandesi portarono i primi schiavi nelle colonie britanniche nel 1619. Alla fine di quel secolo, la schiavitù razzista aveva sottoposto gli africani a un imprigionamento legale sotto forma di forza lavoro e capitale umano, mentre i “bianchi” venivano privilegiati

come cittadini liberi. Secondo gli argomenti generali presentati dagli autori del Progetto 1619, la schiavitù razzista divenne la base per "quasi tutto ciò che ha veramente reso l'America eccezionale”, ovviamente tra spesse virgolette.
Il progetto New York Times 1619 è stato lanciato nell'agosto del 2019.

Coordinandosi con la National Education Association, il New York Times ha distribuito agli insegnanti di tutto il paese migliaia di copie del numero del New York Times Magazine in cui è apparso il progetto. Lo scopo esplicito è quello di aiutare a rimodellare il modo in cui la schiavitù, il razzismo e la supremazia bianca vengono insegnate nelle scuole del paese. Secondo il progetto Teacher Tolerance presso il Southern Poverty Law Center, circa 9 bambini su 10 in età scolare non capiscono che la schiavitù è stata la causa centrale della guerra civile.

Baradaran scrive che gli schiavisti del Sud temevano il consolidamento del capitale finanziario in una banca centrale, in quanto avrebbe potuto "favorire l'economia basata sul commercio del nord rispetto all'economia delle piantagioni". Presidenti schiavisti come Thomas Jefferson e Andrew Jackson, che hanno perpetrato atrocità sui popoli nativi per il controllo la loro terra, combatterono il sistema bancario nazionale proprio per questo motivo.

Un pezzo del puzzle non enfatizzato nel Progetto 1619 è l'espropriazione delle terre native e il processo del colonialismo dei coloni “bianchi”. L'accumulazione della terra e la speculazione finanziaria sul suo valore dipendevano dalla sua acquisizione forzata da parte delle persone che avevano vissuto lì. I coloni “bianchi” che arrivarono nel Nord America non consideravano le persone che incontravano e dipendevano per la sopravvivenza come degni di condividere la generosità che potevano ottenere da essa. La terra ha fornito una delle due basi di capitale per la creazione di plusvalore attraverso la produzione di merci. La schiavitù razziale ha fornito l'altro. Il colonialismo dei coloni razzisti e il lavoro schiavizzato furono i cardini del primo stadio della globalizzazione capitalista.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…