Passa ai contenuti principali

Razzismo e Capitalismo

Nel suo rapporto sul sistema finanziario degli Stati Uniti e sulla schiavitù razziale per il New York Times, 1619 Project, l'esperta di finanza internazionale Mehrsa Baradaran spiega il rapporto tra la schiavitù e lo sviluppo del capitalismo finanziario negli Stati Uniti.

Il Progetto 1619 è "un'importante iniziativa del New York Times", lanciata la scorsa estate in occasione del 400° anno di apertura della schiavitù nel territorio che sarebbe diventato gli Stati Uniti. I mercanti di schiavi olandesi portarono i primi schiavi nelle colonie britanniche nel 1619. Alla fine di quel secolo, la schiavitù razzista aveva sottoposto gli africani a un imprigionamento legale sotto forma di forza lavoro e capitale umano, mentre i “bianchi” venivano privilegiati

come cittadini liberi. Secondo gli argomenti generali presentati dagli autori del Progetto 1619, la schiavitù razzista divenne la base per "quasi tutto ciò che ha veramente reso l'America eccezionale”, ovviamente tra spesse virgolette.
Il progetto New York Times 1619 è stato lanciato nell'agosto del 2019.

Coordinandosi con la National Education Association, il New York Times ha distribuito agli insegnanti di tutto il paese migliaia di copie del numero del New York Times Magazine in cui è apparso il progetto. Lo scopo esplicito è quello di aiutare a rimodellare il modo in cui la schiavitù, il razzismo e la supremazia bianca vengono insegnate nelle scuole del paese. Secondo il progetto Teacher Tolerance presso il Southern Poverty Law Center, circa 9 bambini su 10 in età scolare non capiscono che la schiavitù è stata la causa centrale della guerra civile.

Baradaran scrive che gli schiavisti del Sud temevano il consolidamento del capitale finanziario in una banca centrale, in quanto avrebbe potuto "favorire l'economia basata sul commercio del nord rispetto all'economia delle piantagioni". Presidenti schiavisti come Thomas Jefferson e Andrew Jackson, che hanno perpetrato atrocità sui popoli nativi per il controllo la loro terra, combatterono il sistema bancario nazionale proprio per questo motivo.

Un pezzo del puzzle non enfatizzato nel Progetto 1619 è l'espropriazione delle terre native e il processo del colonialismo dei coloni “bianchi”. L'accumulazione della terra e la speculazione finanziaria sul suo valore dipendevano dalla sua acquisizione forzata da parte delle persone che avevano vissuto lì. I coloni “bianchi” che arrivarono nel Nord America non consideravano le persone che incontravano e dipendevano per la sopravvivenza come degni di condividere la generosità che potevano ottenere da essa. La terra ha fornito una delle due basi di capitale per la creazione di plusvalore attraverso la produzione di merci. La schiavitù razziale ha fornito l'altro. Il colonialismo dei coloni razzisti e il lavoro schiavizzato furono i cardini del primo stadio della globalizzazione capitalista.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl