mercoledì 29 gennaio 2020

Coronavirus: razzismo verso cinesi

L’articolo riguarda il Canada, ma il vergognoso fenomeno si sta già diffondendo ovunque, ancora prima del virus stesso.
Quando una residente di Toronto, Terri Chu, ha twittato che lei e altre madri cinesi temevano l'inevitabile ondata di razzismo che avrebbe accompagnato la diffusione del coronavirus in tutto il mondo, non si era resa conto di quanto sarebbero state viscerali le reazioni.

"Il mio profilo è appena esploso con attacchi al vetriolo da stamattina", ha dichiarato martedì. "Ma è solo la norma, crescendo come minoranza non facente parte di una classe dominante."

Finora il Canada ha visto tre casi confermati di

virus, che hanno avuto origine in Cina, ma i membri della comunità cinese del paese sono già diventati il bersaglio di razzismo.
Il paese ha visto un'ondata simile di xenofobia durante l'epidemia di Sars del 2003, anch’essa iniziata in Cina.

Durante quel panico, molte aziende cinesi gestite in Canada subirono forti perdite poiché la paura superò i consigli sulla salute pubblica: Toronto perse circa 1 miliardo di dollari mentre residenti e turisti evitavano la città, in particolare le aree con un'alta concentrazione di imprese cinesi.

L'irrazionale preoccupazione pubblica che ha paralizzato gran parte della città sembra tornare, ha affermato Amy Go, presidente ad interim del Consiglio nazionale canadese cinese per la giustizia sociale.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento