mercoledì 8 gennaio 2020

Artisti antirazzisti: Fiona Foley

Fiona Foley apparve provocatoria e a seno nudo nella sua serie di autoritratti del 1994, Badtjala Woman. Le fotografie erano una sorta di bonifica: Foley si era imbattuta in una fotografia d'archivio di una donna indigena, datata 1899 e intitolata semplicemente "Giovane donna dell'isola di Fraser". Non era stato menzionato il nome della donna, dove era nata, il suo ruolo all'interno della sua comunità o le circostanze della sua morte. Foley prese l'immagine e la ricreò usando la sua stessa immagine, dando identità e personalità a quelle immagini coloniali degli indigeni che spesso rimangono senza nome e non identificate
nell'archivio storico.
La pratica artistica di Foley - fotografia, arte pubblica, installazione e, recentemente, film - è spesso focalizzata sulla decolonizzazione delle immagini degli aborigeni e sulla riaffermazione dell'identità e della sovranità culturali indigene. È solo una delle linee trasversali di Who are these straniers e dove stanno andando? Una retrospettiva fotografica sulla sua carriera trentennale fino ad oggi che si aprirà a Sydney a gennaio.
Foley, ferocemente intellettuale, è una Badtjala di K’Gari (Fraser Island). “Da bambina, sono stata attratto da un libro di storie sulla creazione di Badtjala, The Legends of Moonie Jarl. L'ho letto più volte ”, dice al Guardian Australia. Scritta da suo prozio e accompagnata da illustrazioni colorate della sua prozia, fu tra quelle pagine che nacque il suo amore per l'arte.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento