Passa ai contenuti principali

Babbo Natale libera Pietro il moro

Babbo Natale e Zwarte Piet (Black Pete, Pietro il moro) - foto da Wikipedia
Caro Babbo Natale,
ovvero, la versione olandese, ecco.
Diciamo pure del Belgio, va’.
Capisco che le tradizioni siano importanti, me ne rendo conto.
Sono consapevole del fatto che, malgrado le incongruenze con la vita reale, ciò che conta non sia l’aspetto puramente formale, ma il significato del rito.
Ovviamente non mi perderò in scontate considerazioni sul consumismo di massa concentrato nel mese dicembrino a ridosso della festività che ti vede protagonista.
Passo oltre anche dinanzi all’ingombrante legame che vede la tua indistinguibile figura, nonché il tuo look e l’allegra risata, con gli spot nel secolo scorso dell’arcinota bevanda effervescente quanto energizzante.
Mi sforzo altresì di tralasciare nel tempo di una pagina la colossale contraddizione tra l’abituale quadretto del venticinque, con la famigliola riunita sotto l’albero a scartar pacchi, e la maggioranza del pianeta costretta alla finestra, ma dal lato esterno, dove per miliardi di persone vuol dire fame e stenti.
Nondimeno, anche le tradizioni, sopratutto quelle benevoli sulla carta con cui avvolgere doni e pie intenzioni, dovrebbero avere un cuore da qualche parte.
Ti prego, perché non fai un regalo alla porzione d'umanità colpevole di esser nata con la carnagione sbagliata?
Sciogli le catene che imprigionano Zwarte Piet, Black Pete, Pietro il moro, o comunque lo si chiami.
Libera il suo personaggio da tale ricorrente incubo.
Perché ad alcuni piacerà pure interpretare Babbo Natale, ma nessuno è felice di essere il piccolo aiutante nero...

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl